Arcadia Fans Club

Toy Story 3 – La grande fuga

Posted in Intorno ai Film by Cape on luglio 17, 2010

Era il 1995 quando una semisconosciuta società di nome Pixar, nata 9 anni prima come una divisione della LucasFilm, stravolse il mondo dell’animazione presentando Toy Story – il mondo dei giocattoli, il primo film d’animazione completamente in computer grafica. E’ una rivoluzione che segna una tappa fondamentale nella storia della Disney, che oltre a fare milioni con il fantastico merchandising (ricordo ancora il Buzz Lightyear del mio cuginetto), trova nuova linfa creativa e segna il primo passo verso la realizzazione di prodotti più maturi. Piccola nota nerd: tra gli sceneggiatori di questo primo episodio troviamo Joss Whedon, il mitico creatore di Buffy l’Ammazzavampiri ed autore della serie Astonishing X-Men.
Quattro anni più tardi arriva il sequel, Toy Story 2 – Woody e Buzz alla riscossa, sempre con la regia di John Lasseter – vero uomo-Pixar, supervisore di tutti i progetti e recentemente diventato direttore creativo.
Oggi, a quindici anni di distanza da quel primo splendido e affascinante esperimento, arriva sugli schermi il terzo episodio della serie; questa volta Lasseter cede il posto al fidato co-regista di Monsters&Co e Alla ricerca di Nemo, che confeziona un prodotto decisamente all’altezza dei precedenti.
Gli anni sono trascorsi per tutti, sette altri film hanno segnato il passo nella crescita tecnica e creativa della Pixar e tutti (si spera!) hanno ormai ben chiaro che il film d’animazione (quello che una volta era il semplice cartone animato), soprattutto grazie al loro lavoro, non è più un prodotto (solo) per bambini e che quindi il pubblico si è decisamente allargato, avvicinandosi ad un target più adulto che cerca, sì, l’intrattenimento fanciullesco, ma anche qualcosa in più. E se in Wall-e questo qualcosa in più era uno struggente e malinconico robottino in una prima parte che era pura poesia in immagini, qui abbiamo temi maturi come il dolore del distacco, la crescita e la paura dei cambiamenti; l’atmosfera si fa nostalgica, i dialoghi mai banali o infantili.
Ed è in questo tutta la magia della Pixar: riuscire a creare una storia avvincente (che è il  punto di forza di tutte le loro produzioni) che miscela sapientemente azione, dramma, commedia, avventura, love story, ma anche inquietanti momenti macabri, e trasporli in una messinscena che tocca tutte le corde dell’anima.
Una nota particolare la merita il consueto cortometraggio d’apertura: ragazzi, qui si sfiora il capolavoro, l’idea è a dir poco geniale e la realizzazione lascia senza parole per l’apparente semplicità con cui si narra di due strane e buffe figure diverse come il giorno e la notte. Dopo questo puro concentrato di creatività made in Pixar, il film parte con una fantastica sequenza dove i protagonisti “vivono” l’avventura narrata dal piccolo Andy che gioca; quasi una metafora del film stesso (e di ogni prodotto artistico) che è espressione di una sensibilità speciale come quella di un bambino o di un artista. Da antologia anche il flashback sul passato del pagliaccio triste, così come esilarante è il vanesio Ken, e… E potrei continuare per molto, ma mi fermo perché potrebbe sembrare, a chi non ha ancora visto il film, uno sterile elenco di situazioni più o meno riuscite. Quello che invece voglio trasmettere è che alla Pixar hanno un mucchio di idee ma hanno soprattuto la capacità (decisamente il valore aggiunto di questa major) di integrarle magistralmente tra loro per creare un prodotto coerente e assolutamente originale.
Insomma, pare che da quelle parti abbiano trovato la formula perfetta e noi non possiamo che esserne felici. :D

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: